Ultima modifica: 10 Novembre 2016

SCUOLA DELL’INFANZIA DI TUFINO “RISIGLIANO”

ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA D’INFANZIA

La scuola è formata da 4 sezioni eterogenee per età (3,4,5 anni).

Ad ogni sezione sono assegnate due insegnanti. Le sezioni possono avvalersi di insegnanti specialisti per l’insegnamento della Religione Cattolica, per il sostegno degli alunni diversamente abili.

Spazi e attrezzature

Gli spazi scolastici sono costituiti da:

  • un’aula per ogni sezione ;
  • aula refettorio;  servizi igienici;
  • laboratorio grafico-pittorico; 

L’area esterna è recintata, pavimentata ed ha un giardino .

La scuola è dotata di materiale strutturato e non strutturato per offrire ai bambini la possibilità di sperimentare, di scoprire e di utilizzare oggetti e procedure, per favorire l’esplorazione sensoriale e le capacità espressive e simboliche di ognuno.

L’uso di sussidi tecnologici è connesso alle attività didattiche proposte e alla documentazione delle stesse.

MODALITA’ DI ATTUAZIONE DELL’AZIONE DIDATTICA DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

Obiettivi generali del processo educativo

  • maturazione dell’identità: rafforzare l’identità personale sotto il profilo corporeo, intellettuale, psicodinamico, morale ed etico.
  • conquista dell’autonomia: attraverso lo sviluppo progressivo della capacità di compiere scelte autonome, riconoscere e rispettare ciò che è diverso da sé, interagire con gli altri, rispettare i valori universalmente condivisi, essere aperto alla scoperta, prendere coscienza della realtà e operare sulla realtà per modificarla.
  • sviluppo delle competenze: impegnare il bambino a realizzare esperienze di organizzazione, ad esplorare e ricostruire la realtà consolidando le abilità sensoriali, motorie, linguistiche e intellettive; a trova occasioni per produrre e interpretare messaggi diversi attraverso molteplici forme(drammatizzazioni, rappresentazioni grafiche, plastiche e pittoriche, attività sonore e musicali) e sviluppare la sua immaginazione, l’intelligenza creativa, il pensiero scientifico ed il senso estetico.
  • promozione della cittadinanza: attraverso esperienze condivise scoprire gli altri e i loro bisogni; gestire i contrasti e a condividere regole e valori attraverso la cura delle relazioni, il dialogo,
  • l’espressione del proprio pensiero, l’attenzione al punto di vista dell’altro, giungendo infine a riconoscere diritti e doveri reciproci, con l’aiuto dell’insegnante.